Incidente stradale

Dubito, quindi penso! (Fernando Pessoa)

In caso di incidente stradale Tutela s.r.l. mette a tua disposizione la sua professionalità per organizzare, prenotare e controllare tutti i passaggi necessari e garantire la tutela dei tuoi diritti.
Se hai subito un incidente stradale possiamo offrirti:

In caso di necessità, consulenza gratuita anche a domicilio o presso gli istituti di degenza.

Incidente stradale


Il demonizzato colpo di frusta!

Con la legge n. 27 del 24 marzo 2012 è stato introdotto l’obbligo di documentare il danno fisico subito in caso di lesione lieve. Questa è da sempre la linea che segue Tutela s.r.l. – Studio Blu- per noi infatti solo con una documentazione puntuale e particolareggiata si può ottenere un risarcimento adeguato al tipo di lesione subita. Assistiamo ogni giorno a testimonianze sconcertanti frutto di una cattiva informazione. Le comunicazioni istituzionali delle compagnie, di agenzie assicurative e alcuni organi di stampa propongono una chiave di lettura errata e distorta.


Malasanità e Responsabilità professionali

Non saper rimediare a un errore è cosa peggiore dell'errore stesso. (Baltasar Graciàn)

Chi rimane vittima di un errore sanitario o semplicemente di un errore professionale si scontra con un muro apparentemente invalicabile. La difficoltà di provare il danno. Il silenzio dei sanitari che molte volte per un’assurda solidarietà professionale non solo non sostengono la vittima ma negano qualsivoglia concetto di giustizia.
La nostra mission è far ottenere il giusto risarcimento a chi abbia subíto danni da malpractice mediche.
Chi rimane vittima di questi eventi ha bisogno nell’immediato del ristoro economico per porre rimedio ai danni subíti.
Il nostro intervento finalizzato all'ottenimento del giusto ristoro è prestato in favore di chi ha subíto danni di qualsiasi gravità a seguito di:

  • errata esecuzione di intervento chirurgico;
  • errata diagnosi;
  • errata prescrizione terapica.

Tutto questo è possibile grazie ad una squadra di specialisti coordinati da uno studio di medicina legale di alta levatura, autonomo e decentrato dalle fonti di malasanità, cui sottoporre i casi per il loro vaglio preventivo, per stabile se l’errore c’è stato e quali danni esso abbia prodotto. Studio Blu opera in questo delicato settore con la prospettiva di spostare la trattazione e la soluzione di tutta la malasanità, dalle aule dei tribunali, alle mediazioni stragiudiziali.

Incidente stradale

Sinistri condominiali

La casa di un uomo è il proprio castello. (Edward Coke)

Condomini

Siamo in grado di fornirvi tutta l'assistenza necessaria in caso di sinistri condominiali sino alla trattazione e liquidazione del danno per:

  • Danni da acqua condotta;
  • R.C. del fabbricato;
  • Furto;
  • Incendio;
  • Infortuni.

Infortuni sul lavoro

La grandezza del lavoro è all’interno dell’uomo (Papa Giovanni Paolo II)

 Casco

L'infortunio sul lavoro è un evento lesivo che si verifica durante lo svolgimento di una attività lavorativa da cui sia derivata:

  • la morte;
  • un'inabilità temporanea assoluta che comporti l'astensione dal lavoro per più di tre giorni;
  • un danno biologico cioè una lesione psicofisica della persona del lavoratore (dal luglio 2000).

Sono considerati infortuni sul lavoro anche gli eventi lesivi che si verificano:

  • durante il percorso dall'abitazione del lavoratore al luogo di lavoro;
  • lungo il percorso che collega due luoghi di lavoro.

In caso di infortunio sul lavoro, il lavoratore deve:

  • informare immediatamente il datore di lavoro, il quale inoltrerà la denuncia dell'infortunio all'INAIL entro 2 giorni dalla data di ricevimento del certificato medico;
  • l'infortunio deve essere dichiarato all'arrivo in Ospedale;
  • dopo aver ricevuto la prestazione del pronto soccorso o all'atto della dimissione dall'ospedale il lavoratore deve rivolgersi all'INAIL per ricevere le cure del caso;
  • in caso di infortunio mortale, la denuncia deve essere effettuata con telegramma entro 24 ore dall'evento.

Se la prognosi prevede più di tre giorni di astensione dal lavoro, il datore di lavoro deve informare la sede territoriale INAIL con apposita denuncia, allegando il certificato medico. Sempre nel caso in cui si rende necessaria un'astensione dal lavoro superiore a tre giorni, sussiste un obbligo di denuncia da parte del medico all'ASL, secondo il D.P.R. 1124/65, in cui dovrà certificare la lesione, specificandone i tempi, le caratteristiche ed accertando l'eventuale presenza di lesioni pregresse.
Se la prognosi è inferiore ai tre giorni il lavoratore deve in ogni caso informare il datore di lavoro, ma quest’ultimo non è tenuto a inviare la denuncia all’INAIL.
Se la prognosi è maggiore di 40 giorni il medico dovrà inviare obbligatoriamente copia del referto all'autorità giudiziaria, secondo quanto dispongono gli artt. 365 e 583 del Codice Penale, nonchè l'art. 334 del Codice di Procedura Penale.


Sinistri mortali

Le lacrime non sono espresse dal dolore, ma dalla sua storia. (Italo Svevo)

Le famiglie a cui viene a mancare un congiunto, vivono uno stato di assoluto dolore e frastuono e, in quei momenti non sono sicuramente in condizione di gestire tutte le pratiche burocratiche che la situazione richiede.
Tutela s.r.l. Studio BLU può assistervi in questa fase aiutandovi e guidandovi per rendere giustizia alla memoria di chi resterà sempre nel vostro cuore.

Mortale

Rivalsa del datore di lavoro

Una piccola quantità di denaro che cambia di mano rapidamente farà il lavoro di una grande quantità che si muove lentamente. (Ezra Pound)

Il responsabile di lesioni personali in danno di un lavoratore dipendente, è tenuto a risarcire il datore di lavoro per la mancata utilizzazione delle prestazioni lavorative.
Lo stabilisce la sentenza datata 12 novembre 1988, nr. 6132, delle Sezioni unite della Corte di Cassazione. Il danno del datore di lavoro può essere liquidato sulla base dell'ammontare della retribuzione e dei contributi previdenziali, obbligatoriamente pagati dal medesimo datore di lavoro per il periodo di assenza del dipendente infortunato.
Anche dopo l'intervento delle assicurazioni sociali, infatti, circa il 60% della retribuzione corrisposta rimane a carico del datore di lavoro.

Rivalsa del datore di lavoro

E tale costo può essere richiesto e deve essere rifuso da parte di chi ha cagionato il danno o dal di lui civile responsabile (compagnia di assicurazione). Non tutti lo sanno però. O non tutti sono a conoscenza delle procedure da mettere in atto per ottenere la liquidazione. Risulta infatti, da una recente indagine eseguita su un campione di imprese, che circa l'80% di esse non esercita l'azione di rivalsa in caso di assenza di dipendenti per fatti imputabili a terzi. Una perdita complessiva quantificabile in oltre 50 milioni di Euro ogni anno.
Studio Blu TUTELA s.r.l., con la professionalità e l'esperienza acquisita grazie alla fiducia accordataci da moltissime aziende in Italia è in grado di far ottenere alle aziende il ristoro di compensi professionali erogati ai dipendenti anche durante il periodo di assenza per colpe di terzi senza nessun costo.

TUTELA s.r.l. © 2014 - TUTTI I DIRITTI RISERVATI